Promozione turistica, valorizzazione territoriale e culturale

 

IL CAPOLUOGO - LAZISE

Cenni Storici: Ricostruire l’etimologia del nome è una cosa complicata, quello che sappiamo è che in alcuni documenti del IX-X sec. il paese è detto “Laçeses”, nome che, derivando dal latino “lacus”(lago), significherebbe villaggio lacustre.
La storia di Lazise affonda le sue radici in epoca preistorica: in alcune zone, lungo le rive del lago, furono trovati numerosi oggetti in selce, ceramica, metallo e resti di palafitte. Particolarmente importante il ritrovamento negli anni Trenta del secolo scorso, di un villaggio palafitticolo a Lazise, nella zona ora occupata in parte dal Campeggio Comunale e in parte dall’edificio dell’ex Scuola Elementare. La palafitta fu però distrutta e parte dei materiali trovati vennero consegnati al Museo Civico di Rovereto.
Uno degli importanti documenti che ci è pervenuto risale al 983. I capi del paese ottennero dall’imperatore Ottone II l'investitura dei diritti di porto, di pesca riservata nelle acque davanti all’abitato, di tasse sulle merci di transito e su quelle esposte al mercato; nonché la concessione di fortificare il borgo: importanti autonomie per l’epoca, per cui si dice che Lazise diventa il primo comune d’Italia.
Verso l’898, quando gli Ungheri invasero l’Italia, che sorse il problema di dover rinforzare il borgo e, probabilmente, il vecchio castello, le cui mura furono ristrutturate quando l’abitato passò sotto la Signoria degli Scaligeri nel 1277. Ai Della Scala si deve l’edificazione delle torri scudate e la ricostruzione della rocca, che fu iniziata da Cansignorio e ultimata dai figli nel 1381.
Quando ormai la vita della Signoria Scaligera era quasi giunta a conclusione, nel 1387, Lazise cadde sotto il controllo dei Visconti di Milano, come accadde ad altri comuni gardesani come Malcesine, Torri del Benaco e Garda, che entrarono tutti insieme a far parte di una sorta di protettorato chiamato “La Gardesana”.
Nel 1405 Lazise, come l’intero comprensorio veronese, entrò a far parte della Repubblica di Venezia, che ne considerava il possesso come la chiave per il dominio sul lago: il dominio veneziano durò fino al 1797, quando Lazise venne occupata dalle truppe napoleoniche.
In seguito, con il trattato di Campoformio, il territorio di Lazise si trovò sul confine tra i due Imperi di Austria e di Francia, per poi essere annesso prima al Regno d’Italia di Napoleone (1805), poi, con la Restaurazione, al Regno Lombardo-Veneto e infine entrò a far parte del Regno d’Italia nel 1866.

PIAZZA VITTORIO EMANUELE

LUNGOLAGO MARCONI

LUNGOLAGO CAVAZZOCCA MAZZANTI

PARCO GIOCHI CENTRALE

About Us

CittàdiLazise.it è un progetto di promozione e marketing territoriale con lo scopo di valorizzare il territorio, la cultura e le attività economiche di Lazise, Colà e Pacengo sul lago di Garda. Per maggiori informazioni contattaci
Facebook - Instagram - Twitter